«Ho visto un Angelo»
Dove vanno a finire gli Angeli? Forse nelle trasparenze dell’anima o nei cristalli del cuore, nascosti nelle pieghe dei sorrisi dei bambini o tra le coperte di cartone di un senza tetto.
Per la strada ho visto un «Angelo » era lì incastonato nella pelle di un uomo che chiedeva l’elemosina stendeva la sua bruna mano a chiunque passava, bruna per colore? O forse bruna per la stanchezza di vivere negli angoli più neri della città tra la sporcizia dei vicoli che tempo non hanno che anima non conoscono.
Ho visto un Angelo dagli occhi buoni ma stanchi di andare dove il cuore non sente, dove ultimo tra gli ultimi non ha paura di chiedere la carità ma ha visto anche la paura racchiusa nelle buste di plastica dove è serrata tutta la sua casa piena di oggetti lerci d’amore mai avuto.
Poi l’Angelo è andato via il tempo di un flash di un semaforo, rosso giallo e poi verde!
Ma è stato un sogno o una realtà? Troppo breve l’istante, alzo gli occhi, il cielo mi par così azzurro come non mai, ma una nuvola birichina sembra sorridermi:
“Ho visto un «Angelo»”.
Ecco il mio Angelo il sogno s’è svelato, lì nell’infinito cercato del mio cuore che ha voluto vedere oltre quella soffice candida nuvola@

diCresy Crescenza

Cresy@‘Gesù volo d’aquila’

Svelata umanità
mistero incarnato
dimora d’amore
è volo d’aquila

s’alza a toccare il limite della linea dell’orizzonte visibile
un uomo ha posto dimora
sguardo e dono in mezzo a noi

contemplo il vivere della sua parola che vive
sempre e per sempre fino alla fine di me@
http://wp.me/p28N8b-14e
Istruzioni dell’anima Il libro di Crescenza Caradonna Cresy